PREMI PER LA NOSTRA SCUOLA

17esima Edizione NEWSPAPERGAME 2018

VITTORIA DELLA SCUOLA MEDIA NICOLA RONCHI

Anche quest’anno la nostra scuola, I.C.S. Nicola Ronchi di Cellamare, ha aderito alla iniziativa della Gazzetta del Mezzogiorno “Newspapergame 2018” con il suo corso di giornalisti in erba, dediti e motivati alla scrittura e alla ricerca di notizie. Fra i 260 istituti scolastici pugliesi e lucani iscritti, la nostra scuola, piccola realtà della provincia di Bari, si è aggiudicata un premio per il blog EUROPA. Gli studenti, guidati dalla prof.ssa referente Rosa Cervino, si sono destreggiati nella scrittura di articoli inerenti agli argomenti del concorso e non solo. Hanno personalizzato i loro testi anche con illustrazioni personali, scaturite da profonde e problematiche riflessioni. I blog da noi prescelti sono stati Media e Tecnologia, Cultura e arte, Europa, Prevenzione e sicurezza nel lavoro, Educazione finanziaria ed economica. Nella cornice del Teatro Petruzzelli, locus amoenus per la grande manifestazione finale del gioco degli articoli e della scrittura, la nostra scuola media è stata premiata con un tablet, strumento molto utile per la nuova didattica e per i nativi digitali. I giovani giornalisti non si sono cimentati soltanto con le nuove tecnologie e col mondo virtuale del web, ma hanno imparato ad essere pronti e capaci anche con il cartaceo con la ideazione e realizzazione del giornalino scolastico IL GRILLO PARLANTE, la voce della nostra scuola media. Gli studenti si sono appassionati al linguaggio affascinante del giornalismo imparando regole e tempistica, ma soprattutto colorando il loro mondo di nuove idee, intuizioni, creazioni e ricerca-azioni per formarsi ed informare. Infatti in data 7 marzo 2018 sono stati pubblicati sulla pagina della Gazzetta del Mezzogiorno, dedicata al concorso, i quattro articoli più votati. Una esperienza davvero perfetta ed entusiasmante per portare il giornale a scuola e motivare tutti gli alunni a misurarsi con la lettura e la scrittura con il piacere del gioco e della sfida con se stessi e il mondo che li circonda.

Annunci

E’ tempo di gite!

Le classi prime della scuola media Nicola Ronchi alla conquista del Monte Vulture, Laghi di Monticchio e Castello di Melfi. Visita guidata molto interessante e suggestiva fra i laghi di Monticchio e paesaggio naturalistico: sentirsi al centro del cratere di un vulcano in quiescenza è elettrizzante. Abbiamo appreso la varietà della flora e della fauna del posto, fra cui un insetto molto antico ritrovato in questo posto: Acanto Bramea, una farfalla notturna. Abbiamo visitato anche l’Abbazia di Monticchio dedicata all’arcangelo Michele, perchè qui apparve. Una macchia immacolata in un mare di verde! Il castello di Melfi è un monumento della Basilicata tra i più importanti castelli medievali d’Italia. La sua fondazione, almeno dagli elementi ancora visibili, risale al periodo normanno e ha subito alcune modifiche nel corso del tempo, soprattutto in epoca angioina e aragonese. Siamo rimasti incantati davanti al sarcofago di Rapolla, un monumento marmoreo risalente alla seconda metà del II secolo d.C., conservato oggi nel Museo Nazionale del Melfese a Melfi. Sul coperchio, scolpito a forma di letto, giace la statua di una giovane defunta. Dislocazione riuscita: scuola all’aperto ed itinerante. Abbiamo respirato un po’ di infinito!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le Scienze? Uno spettacolo!

 

Nei giorni 27/03/2018 e 28/03/2018 presso l’auditorium della scuola secondaria di primo grado “N.Ronchi” di Cellamare, si è tenuto uno spettacolo ispirato alle scienze. Il protagonista d’eccezione è stato…un moscerino: la Drosophila melanogaster, un piccolo insetto della lunghezza di circa 3 mm, meglio conosciuto come moscerino della frutta. Da anni è oggetto di ricerca per la semplicità con cui può essere allevato e reperito in natura. Tale è il motivo che ha consentito a molti scienziati di utilizzarlo come organismo modello, sia per studi sulla genetica sia sul comportamento, e per questi studi conseguire il premio Nobel per la medicina. Morgan, infatti,nel 1933, riprendendo le leggi di Mendel (pubblicate nel 1865), riuscì a dimostrarne la valenza scientifica. La storia delle ricerche che hanno vistoDrosophila melanogasterprotagonista, proseguono da Morgan al Nobel per la medicina 2017 assegnato ai tre ricercatori Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash, W. Young, che hanno scoperto i meccanismi molecolari che controllano i bioritmi. Così noi ragazzi del tempo-scuola prolungato ci siamo cimentati in una rappresentazione recitata e danzata costruita come un percorso interdisciplinare in cui alunni, docenti e genitori hanno messo in gioco ognuno la propria capacità di fare.

 

Le nostre ricerche sull’insetto Drosophila ci hanno condotto a realizzare il copione e la sceneggiatura. Una volta attribuite le parti, sia come attori nei vari ruoli, che come ballerini, i genitori hanno realizzato con grande maestria i costumi da indossare. Per esempio le ali dei moscerini sono state riprodotte da un disegno ingrandito dell’insetto reale.

La storia che abbiamo raccontato è il riassunto della vita, dalla danza dei quattro elementi fondamentali della Natura acqua, aria, terra e fuoco, allo svolgersi delle varie tappe di essa: ricerca di cibo, corteggiamento e riproduzione per la sopravvivenza, passando attraverso la metamorfosi da larva ad insetto adulto.

L’intero spettacolo ha comportato da parte nostra, impegno, prove e allenamento nella recitazione e nella danza, ma va detto che è un’emozione indescrivibile sentirsi protagonisti di uno spettacolo.                             Antonella Giovanniello, classe 2^B

TEATRO IN INGLESE

La felicità è un’arte … e nella nostra scuola si impara in inglese con una rappresentazione teatrale e i workshop realizzati dagli attori di madre lingua. “Happo and the Happiness” è la vivace commedia messa in scena in lingua inglese. Happo è un allegro folletto che vive nel bosco. Con due amici un poco strambi, una coppia di fate ed un mago bizzarro, dovrà affrontare molte difficoltà ed avventure per ritrovare la “formula della felicità” che la malvagia strega Angrianca ha sottratto. L’ amicizia e l’aiuto che si daranno l’un l’altro saranno essenziali per la riuscita dell’impresa. Il progetto è utile sia per lo sviluppo specifico delle abilità e delle strategie legate all’aspetto linguistico (comprensione dell’ascolto, miglioramento della pronuncia, ampliamento lessicale, consolidamento delle strutture), sia per l’approfondimento delle conoscenze relative agli aspetti inerenti la cultura anglosassone. Simpatia e coinvolgimento hanno tirato fuori la voglia di English che c’è nei ragazzi e la possibilità non tanto remota di riuscire a parlarlo!!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

TEATRO IN FRANCESE

Esperienze interculturali nella nostra scuola ascoltando ed interpretando il celebre Dumas e il suo romanzo “I tre moschettieri”. Attori di lingua madre francese hanno giocato con i nostri studenti ed estrapolato le parole della sceneggiatura per imparare sorridendo. Con un grand sourire il francese è con noi!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

CONVIVIO SULLA LEGALITA’

La legalità deve cominciare dalle piccole cose, dalla vita quotidiana. Nella nostra scuola Ronchi presente anche l’arma dei Carabinieri di Cellamare e il nostro sindaco per spiegare ai ragazzi il valore del rispetto della legge. Spesso in autobus è un gioco andare senza pagare, le auto in sosta vengono danneggiate di notte, parchi pubblici e cartelli stradali sono disastrati, sui monumenti c’è scritto di tutto, per la strada viene buttato di tutto, mezza Italia va in motorino senza il casco, troppi guidano ubriachi. Il ragazzino di oggi vive in un mondo che disprezza le regole. Legalità non è Giustizia e nemmeno Morale, ma è il semplice rispetto di regole, leggi, obblighi e divieti. I giovani hanno un innato senso della giustizia ed acquisiscono la loro moralità dalla famiglia e dall’ambiente, ma il rispetto della legalità deve essere appreso con impegno e perseveranza. Quindi tutti a lezione di legalità partendo dalla loro vita quotidiana, dal loro rapporto con i coetanei, gli adulti e con tutta la società e l’ambiente che li circonda.