VAI ALL’INFERNO E SCOPRI IL PARADISO

Successo emozionante

per “Viaggio all’Inferno”

nella cornice del centro storico di Cellamare

Giornata scottante e travolgente quella del 28 maggio in quel di Cellamare, dove alunni e docenti si sono compenetrati per dare vita al sommo poeta Dante e alla sua opera universale “La Divina Commedia”.  Con uno spettacolo itinerante la scena si è aperta nella parte antistante la chiesa di Santa Maria Annunziata: viaggio fisico, ma soprattutto viaggio dell’anima, con una discesa negli abissi infernali e una risalita nella serena e beata atmosfera del paradiso. Tutto inizia con un progetto delle classi a tempo prolungato della Scuola Secondaria dell’Istituto Comprensivo N. Ronchi, con la collaborazione dei compagni del Corso musicale e delle classi seconde e terze quando “la diritta via era smarrita”. Il viaggio di una umanità messa alla prova dall’errore che porta ad errare nella disperata ricerca della verità, dello spiraglio di luce che conduce all’amore. E di verità i ragazzi ne hanno trovate! Con i loro docenti si sono avventurati nel mondo pieno di pericoli della selva oscura: il personaggio Dante, uomo del nostro tempo, incontra bestie, diavoli, difficoltà … ma non solo. C’è anche Virgilio ad aiutarlo e confortarlo, amico, guida, saggio consigliere ed insieme affrontano un percorso che trascina tutto il pubblico per le vie del centro storico di Cellamare sino al castello. Accolti da Caronte, traghettatore di anime, al grido “guai a voi anime prave”, ci si è imbattuti nei peccati di ieri e di oggi, con tutto il loro peso di sofferenza: dalla Divina Commedia si è passati alla Commedia Umana, perché parallelamente i ragazzi hanno messo in scena anche le realtà di miseria umana di ogni giorno. L’ignavo, colui che, davanti agli atti di bullismo, gira la testa e fa finta di non vedere. La donna vittima della violenza del marito che cerca disperatamente la salvezza, contrapposta alla passione amorosa travolgente di Francesca per Paolo. E ancora Ulisse  consumato dal desiderio di “virtute e conoscenza”. I sentimenti forti  si scontrano in questo mondo sotterraneo e alla migrante affogata in mare fa eco la madre a cui hanno strappato il figlio. I sospiri  del  Conte Ugolino, che ha visto morire i suoi figli uno ad uno, vengono coperti dal ritmo incalzante dei forconi dei demoni. Il tutto racchiuso nella cornice quasi surreale del Castello Caracciolo, dove si è conclusa la rappresentazione con la parola Amore. Ai ragazzi va riconosciuta la grande capacità di immedesimarsi in tali personaggi e di animare la scena con i toni foschi del Regno dell’Oltretomba. Non solo loro hanno decretato la riuscita della rappresentazione teatrale, ma anche i genitori, che hanno ricoperto il ruolo di demoni “impegnati nel servizio d’ordine” e hanno dato vita ad un fiorente laboratorio artistico che ha “sfornato” forconi, drappi, costumi e  “barche infernali”. Notevole il contributo della docente di arte prof. Cinzia Matteucci, che, con gli alunni e con il supporto della collaboratrice scolastica, sig.ra Ramona Ivagnes, hanno creato suggestive scenografie. Magistrale l’apporto dei docenti di strumento che hanno curato la colonna sonora e gli interventi di violini, clarinetti, chitarre e pianoforte. In una atmosfera suggestiva per luci, colori e suoni, il pianto e lo stridore di denti del doloroso inferno si sciolgono nella beatitudine del paradiso e dell’incontro del Dante personaggio con Beatrice e San Bernardo di Chiaravalle. Bravi gli alunni musicisti che hanno sottolineato le vivide sensazioni della scena con la dolcezza dei violini dando vita al tema di Romeo e Giulietta di Nino Rota, contrapposto al tuono dei tamburi. E poi ancora le chitarre che hanno suonato “La notte” di Arisa, i clarinetti con Tchaikovsky e il pianoforte con l’Ave Maria di Schubert. Quindi una WORT TON DRAMA, opera totale fatta di azioni, musica, canto, poesia, recitazione, e ballo, che ha commosso, fatto riflettere, unito con l’ultima parola che “muove il sole e le altre stelle”: Amore.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...